DONNE POESIA ALCOL ED IRA: IL RITRATTO DI MODIGLIANI

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section” _builder_version=”3.0.73″][et_pb_row admin_label=”row” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial” _builder_version=”3.0.73″][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” background_size=”initial” _builder_version=”3.0.73″ background_layout=”light” text_orientation=”left” border_style=”solid”]

Testimonianze introvabili e lettere inedite, «lacerti» di racconti sulla vita parigina di Modigliani dalla penna di mercanti, modelle e forse amanti, colleghi e compagni di bistrot. Documenti, ma che scorrono come un romanzo e dietro oltre un decennio d’indagini di un artista e appassionato studioso, Enzo Maiolino scomparso lo scorso novembre a novanta anni. Con nomi e indirizzi sui superstiti, da Parigi alla Costa Azzurra e ritorno: le sue lettere all’autore sono una novità della riedizione di quel libro con il titolo Modigliani, dal vero (De Ferrari, a cura di Leo Lecci dell’università di Genova che ha finanziato il progetto). Insieme alla trascrizione dei documenti originali in francese che comprendono lettere dall’archivio Scheiwiller, oggi presso il centro Apice dell’università di Milano…

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]